LINGUA IN GIOVA

album digitale

Riedizione dell'album digitale originariamente pubblicato il 30 Aprile 2011.

"Giovedì fu abbrugiato vivo in Campo di Fiore quel frate di S. Domenico, di Nola, eretico pertinace, con la lingua in giova, per le bruttissime parole che diceva". Così recitava uno degli avvisi, affissi a Roma nel febbraio del 1600, che davano notizia della esecuzione di Giordano Bruno. "Lingua in giova" è un omaggio al frate domenicano.

Gli otto brani dell’album sembrano affreschi umidi e oscuri di una coercizione in senso lato per quello che spesso le religioni tendono a manifestarsi. Un concept album eseguito in ambienti tetri che richiamano le segrete del Tribunale del Sant'Uffizio. La tragedia spirituale del frate nolano è scandita da inquietanti voci manipolate in maniera estrema ed ossessiva, pad morbidi supportati da imponenti sub-bass e una ritmica sempre in divenire ma al contempo fortemente coesa. Si ha l'idea che sia stato concepito e suonato tutto di un fiato, perso in un'esaltazione mistica interrotta soltanto dal macabro epilogo.

Il titolo dell'album allude alla “tortura nella tortura” che fu riservata al frate arso in Campo de' Fiori: un chiodo ricurvo ficcato nella lingua così da rendergli impossibile la diffusione delle sue "diaboliche" convinzioni.


  • Foi et raison [00:05:55]
  • Peregrino nolano [00:08:09]
  • Geweither platz [00:04:34]
  • Leute [00:06:29]
  • Orfanezza istituzionale [00:03:35]
  • Transustanziazione [00:04:34]
  • Zauberei [00:05:50]
  • Lingua in giova [00:04:30]

Registrazione e mixing presso Multiverso Studio nel 2011 (Palermo)

Nuovo mastering: Nicola Manzan

Riedizione digitale: 7 Novembre 2021

Track Foi et raison:

   

  • HOMEPAGE
  • Progetto

    Pensieri e suoni onirici, eterei, meditativi e ambientali. Elettronica sperimentale, minimale e talvolta atonale e claustrofobica

     paolinocanzoneri[at]gmail[dot]com